EnglishItalian

La degustazione per la V edizione di “Io Bevo Così”.

Mostra tutto

La degustazione per la V edizione di “Io Bevo Così”.

IO BEVO COSÌ, I VINI NATURALI NEI MENU DEI GRANDI CHEF

Il magazine de-gustare.it pubblica questo interessante articolo sui consigli dei maggiori chef  e i loro gusti in fatto di vini naturali.

Domenica 21 gennaio, nell’ambito della manifestazione Io Bevo Così, una selezione di vini naturali accompagneranno i piatti di Davide Caranchini, dei fratelli Lebano e di altri chef in una cena di gala al Gallia di Milano

Viticoltura sostenibile, vigne coltivate senza trattamenti invasivi, pesticidi o diserbanti; basso o nullo contenuto di solfiti, lieviti indigeni, nessuna aggiunta di coadiuvanti enologici e prodotti chimici. Sono alcune delle linee distintive dei cosiddetti vini naturali. Una categoria ancora priva di un disciplinare ma in grande ascesa. Un ulteriore segnale del trend del green, che tira nel food quanto nel vino.

Il lunedì 22 gennaio grande degustazione per la quinta edizione di Io Bevo Così, con 90 produttori e 600 etichette da diverse nazioni

Questi vini «veri» esprimono nuance particolari e sorprendenti: difficile rimanere indifferenti, o li si ama o li si odia. Oggi stanno conquistando anche i grandi chef, che mettono in carta bottiglie capaci di esaltare le creazioni più complesse e sperimentali. Per chi voglia provare questa esperienza, domenica 21 gennaio all’Excelsior Hotel Gallia di Milano, si terrà una cena di gala (85 euro il costo al pubblico) con un menu ad hoc preparato da grandi chef in abbinamento ad alcune raffinate etichette di vini naturali.

Il cocktail di benvenuto sarà con gin Rivo, un distillato di 12 botaniche raccolte nei prati e sulle montagne intorno al Lago di Como. Quindi spazio ai protagonisti. A cominciare dai padroni di casa, gli chef del Gallia, Vincenzo e Antonio Lebano che proporranno un riso Riserva San Massimo mantecato alla cipolla di Giarratana, gamberi rossi, lattuga di mare e limoni canditi. L’abbinamento è con Stella Flora 2012, un blend dalle sfumature dorate di Percorino, Passerina Trebbiano e Malvasia di Candia dell’azienda marchigiana Maria Pia Castelli.

Tutta da scoprire la proposta del talentuoso Davide Caranchini del Ristorante Materia di Cernobbio, vincitore del premio di Giovane dell’anno della Guida Ristoranti d’Italia 2018 dell’Espresso. Il suo piatto wild sarà una tartare di salmerino, kefir, levistico e abete accompagnato da Chiaror sul Masso, un Brut da uve Timorasso (vitigno capace di invecchiare e in grande ascesa) dell’azienda I Carpini.

Gli altri piatti del menu vedranno coinvolti lo chef greco Alexiou Vassili e Marco Viganò, una stella Michelin in Francia con il suo Ristorante Aux Anges a Roanne. Il dessert, invece, sarà preparato dal pasticciere di Milano Enrico Rizzi.

Chiusura in bellezza con un Caol Ila invecchiato 12 anni, selezione Single Cask, proposta da Whisky Club Italia.

La cena si inserisce come appuntamento dedicato all’alta ristorazione della manifestazione Io Bevo Così. Lunedì 22 gennaio, sempre all’Excelsior Hotel Gallia di Milano, si terrà, infatti, la quinta edizione della kermesse più esclusiva dedicata ai vini naturali, ideata da Andrea Sala e Andrea Pesce, titolari rispettivamente di That’s Wine e Vini e Più. L’appuntamento vedrà la presenza di 90 produttori, provenienti da Italia, Francia, Macedonia, Spagna, Austria e Slovacchia, con oltre 600 vini in degustazione (l’evento è dedicato ai professionisti del settore Horeca). Tra i nomi da scoprire, suggeriamo Le Strie della Valtellina, che propone una versione davvero intrigante di Nebbiolo di montagna.