Vino biologico, cresce l’export made in Italy

Mostra tutto

Vino biologico, cresce l’export made in Italy

Secondo uno studio di Nomisma nel 2016 le esportazioni sono valse 192 milioni di euro (+40% rispetto al 2015).
Considerando il mercato interno, il giro d’affari tocca i 275 milioni
La corsa del vino biologico non si ferma. Seconda una ricerca Ice-Agenziacurata dall’osservatorio di Nomisma wine monitor almeno un italiano su quattro nel 2016 ha bevuto in almeno un’occasione il vino bio (circa il 25%, rispetto al 21% del 2015). Lo testimonia pure l’andamento delle vendite, che hanno toccato complessivamente i 275 milioni di euro, con un incremento del 34% rispetto al 2015.
Il mercato italiano vale il 30% del totale del fatturato, pari a 83 milioni di euro, in aumento del 22% rispetto al 2015, ma il grande boom è la richiesta sui mercati esteri. Il giro d’affari dell’export made in Italy di vino bio nel 2016 ha toccato i 192 milioni di euro, con un balzo in avanti del 40%rispetto al 2015.
Al momento non è ancora elevata la percentuale sul totale dell’export di vino italiano, ovvero il 3,4%, ma il trend è in forte crescita, grazie in particolare alla propensione all’export di vino biologico.

Analizzando i principali mercati presidiati, l’Ue è la principale destinazione(66% a valore) e come per l’agroalimentare, la Germania rappresenta il mercato di riferimenti per i vini bio (33% sul totale del fatturato dell’export di vino bio italiano), seguito dal mercato Usa (12%).

Fra i punti di forza delle nostre aziende c’è sicuramente la qualità dei vini bio (30% degli intervistati), un marchio aziendale apprezzato (17%) e la tracciabilità del prodotto (14%), mentre i punti di debolezza sono da ricercare in particolare nelle dimensioni ridotte, la mancanza di risorse finanziarie da investire per aggredire i mercati e i vincoli doganali-tariffari.
Il vino biologico ha comunque grandi prospettive di crescita, in particolare sui mercati terzi, come quello statunitense, senza dimenticare mercati fondamentali come Germania e Uk sul mercato Ue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *