EnglishItalian

Armonia Tradizione Innovazione

Mostra tutto

Armonia Tradizione Innovazione

Abbiamo scelto di riscoprire una mai sopita passione della famiglia, che ha iniziato a prendere forma con il “Nonno Bruno” e poi proseguita da Mary e Brunello e ancora da Marco e Cristina: quando, con gli anni, sono nati prima Lorenzo e poi Giulia, abbiamo deciso di tornare a Belvedere stimolati dalla tenacia delle nostre viti che, in crescita spontanea da anni, continuavano a mostrarsi fruttifere e rigogliose..
Siamo tornati perché, come donna, sento il bisogno di percorrere, con e per i miei figli, la via antica dell’equilibrio tra uomo e natura, di interpretare questo connubio con scelte etiche che puntano al restauro di una nuova identità rivolta al futuro.
Abbiamo parlato e sognato, controllato preventivi, passato notti in bianco e valutato tutte le possibili scelte tra le tante filosofie produttive ad oggi disponibili. Abbiamo scelto di adottare un’agricoltura su misura per noi e coerente con la nostra visione “futurista” di essa, basata sul rispetto sia dell’ambiente che dell’uomo.
Abbiamo ricercato una perfetta integrazione tra diverse tecniche produttive con scrupolose valutazioni dei protocolli di produzione biodinamica, biologica e tradizionale, per un impatto ambientale ridotto alla soglia minima. L’obbiettivo è garantire qualità e unicità assoluta, dalla nostra terra ai vostri calici.
Abbiamo iniziato curando le piante più vecchie, fusti contorti di 30 e più anni, allevati a doppio archetto capovolto oppure potati secondo l’interpretazione del contadino. Solo un ettaro e mezzo è rimasto in produzione mentre due ettari sono stati potati per essere reimpostati ad alberello. “Non vogliamo perdere il patrimonio di radici così profonde”. Da questi impianti abbiamo selezionato le marze per impiantare un nuovo vigneto.
La nostra attenzione è concentrata sulla terra e la sua vitalità, contribuiamo al suo nutrimento con il preparato 500 e con le pratiche dei sovesci autunnali e primaverili per non utilizzare concimi di sintesi, per darle ossigeno e vita.
Volendo abbattere il compattamento del suolo e l’inquinamento, abbiamo attrezzato un quad per la distribuzione del preparato 500, del 501, di infusi di ortica, di propoli di microrganismi antagonisti e di tutto quello che ci consenta di usare prodotti prodotti naturali limitando al minimo l’ utilizzo di pesanti trattori tradizionali. In questo modo siamo sicuri di offrire ai nostri figli un modello d’agricoltura che non accetta canoni precostituiti ma una lettura intelligente, razionale e personale di fare viticoltura oggi. Per tutto questo non siamo riusciti a trovare una certificazione adatta.