EnglishItalian

Il Galateo 3.0 una serie di regole di bon ton della tavola

Mostra tutto

Il Galateo 3.0 una serie di regole di bon ton della tavola

Come si sta a tavola? Il Galateo 3.0
Le risposte su smartphone e foto alle pietanze: ecco dove trovarle.
Chissà cosa avrebbe detto dei cellulari a tavola Galeazzo Florimonte, padre ispiratore del Galateo (Galatheo è infatti Galeazzo in latino). Troppo tardi per chiedere un aggiornamento della sua pubblicazione (risale alla metà del ‘500) a Giovanni della Casa, autore delle norme che tutt’oggi ispirano l’etichetta in luoghi e situazioni. In una realtà globalizzata, multietnica e multiculturale è diventato difficile stabilire cosa sia giusto o sbagliato in senso assoluto in specifiche situazioni. Eppure un criterio potrebbe essere ancora universale: la gentilezza. La domanda è: come possiamo risultare ‘gentili’ a tavola? Perché è proprio lì che non si può mentire. E’ impossibile improvvisarsi abili ed eleganti commensali e Julia Roberts in Pretty Woman docet: nel film la ‘lotta’ con posata e lumaca volge decisamente a suo sfavore.
Se volete sapere a che punto è il vostro galateo potete divertirvi a scoprirlo con il libro Galateo a test di Fabio Cesare e Roberta Mascheroni (edito da Alpha Test). Se invece volete consultare dei consigli mirati, potrebbe fare al caso vostro Il Tovagliolo va a sinistra di Elda Lanza (edito da Vallardi). O ancora, consultare un esperto di codici comportamentali come Alberto Presutti (poetando.it). Oppure potrebbe interessarvi una lettura specifica sulla tavola, sia per gli ospiti che per i commensali: Il Galateo della Tavola di Sandro Masci (L’Airone Editrice). Potrebbe infine farvi piacere l’opinione di una signora del piccolo schermo come Cristina Parodi: Il Galateo Moderno (edito da Sonzogno). A voi la scelta. Se vi interessa una piccola anteprima dei contenuti che troverete in questi scritti, sappiate che si può fotografare il cibo al ristorante, che il finger food vuole le sue regole, che se proprio dovete tenere lo smartphone sul tavolo mettete una suoneria dai suoni pacati, e se proprio proprio dovete rispondere a una telefonata, spostatevi in un’altra stanza.

Press Office